Home

Il  Team

Zona 7

Zona 8

Milano

Lombardia

fotoGallery

Video

Contattaci

   

PER NON DIMENTICARE

da "Lombardia Notizie" e altre fonti

___________________________________________________

 

Entro fine anno un miliardo per le imprese

2 maggio 2013 

(Ln - Milano) Mettere da subito a disposizione delle Micro, Piccole e Medie imprese lombarde strumenti e risorse adeguate per accrescere la competitivitࠤel sistema produttivo. Questo 蠍 l'impegno concreto dell'Assessorato alle Attivitࠐroduttive, Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia, che nel 2013 metterࠡ disposizione risorse per quasi un miliardo di euro, di cui 60 milioni nei prossimi due mesi mediante nuove azioni finalizzate a: stimolare la nascita di nuove imprese; favorire l'aggregazione e l'internazionalizzazione; incrementare l'attrattivitࠤel territorio; sostenere la ricerca e l'innovazione. Grande attenzione si sta inoltre riservando a temi particolarmente sentiti dalle imprese, specialmente nell'attuale congiuntura economica: la semplificazione degli adempimenti amministrativi e dei controlli, l'accesso al credito, il sostegno alle imprese in difficolt஠ Sono queste le linee di intervento e gli impegni annunciati dal vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia e dall'assessore alle Attivit࠰roduttive, Ricerca e Innovazione, che hanno illustrato in una conferenza stampa il programma dei primi cento giorni della Giunta a favore delle imprese.

 

PRIORIT AL LAVORO - 'All'indomani del 1 maggio - ha spiegato il vice presidente - vogliamo ribadire che il nostro obiettivo prioritario 蠍 quello del lavoro. La disponibilitࠩmmediata di 60 milioni 蠵n messaggio importante e un segnale forte per le nostre imprese'. Il vice presidente ha anche sottolineato l'importanza delle azioni di semplificazione della burocrazia e degli investimenti sulla ricerca: 'non a caso - ha spiegato - il settore della ricerca, con la nuova Giunta, 蠳tato unito a quello delle attivit࠰roduttive e delle piccole e medie imprese, che rappresentano la spina dorsale della nostra economia. Grazie alla ricerca, infatti, le nostre imprese possono puntare con pi䥣isione all'internazionalizzazione'.

 

SETTE LINEE DI INTERVENTO - 'La prioritࠤella legislatura - ha ribadito l'assessore alle Attivit࠰roduttive - 蠰roprio il lavoro. Regione Lombardia vuole liberare risorse da mettere a disposizione delle imprese e creare strumenti che diano la possibilitࠡlle Mpmi di crescere, attraverso interventi su sette direttrici fondamentali: nuove imprese; ricerca e innovazione; internazionalizzazione; aggregazioni e attrattivit໠credito; competitivit໠semplificazione'. Per dare una cornice unitaria a questo impegno, ha spiegato ancora l'assessore 'si lavorerࠡ un Patto per le imprese lombarde, in grado di creare una alleanza strategica tra tutti gli attori e dare attuazione e concretezza a quanto progettato'.

 

NUOVE IMPRESE - Un primo pacchetto di 25 milioni 蠤edicato alle nuove imprese: 10 milioni per favorire e incentivare l'avvio di nuove attivitࠍ imprenditoriali sul territorio regionale; 10 milioni per le start up innovative e gli incubatori di impresa; 5 milioni conferiti al Fondo Politecnico per l'innovazione, un fondo aperto a investitori istituzionali e qualificati (fondazioni, casse previdenziali젣he mira a mettere insieme un patrimonio di 20 milioni di euro, per finanziare spin-off accademici che si basano su progetti di ricerca ad alto valore tecnologico. 'Ƞinoltre in fase di approvazione in Giunta - ha aggiunto l'assessore alle Attivit࠰roduttive - un programma complessivo e integrato a favore della start up, che prevede anche elementi di sistema innovativi, quali lo studio della riduzione di un punto percentuale dell'aliquota Irap e la sperimentazione di aree a burocrazia zero'.

 

RICERCA E INNOVAZIONE - Su ricerca e innovazione, un totale di 16,43 milioni sono dedicati a progetti di ricerca applicata e sviluppo sperimentale nell'ambito Smart cities end communities: le imprese, piccole, grandi e medie, le universitࠥ gli enti pubblici di ricerca sono stati chiamati a integrare le rispettive competenze, per elaborare soluzioni fortemente innovative che, attraverso i pi튉 avanzati strumenti tecnologici, possano contribuire allo sviluppo dei territori e rispondere ai bisogni concreti della collettivitଠper migliorare la qualitࠤella vita dei cittadini. Inoltre, proseguono le azioni di sostegno a progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati al potenziamento di centri di competenza di rilievo regionale. L'iniziativa, in accordo con Fondazione Cariplo, mira a supportare il trasferimento tecnologico e facilitare l'incontro tra domanda e offerta di innovazione. L'Assessorato vi ha dedicato 3 milioni.

 

INTERNAZIONALIZZAZIONE - Per l'internazionalizzazione 蠰revisto un nuovo contributo di 5,5 milioni, di cui 3 dedicati a finanziare programmi di partecipazione a fiere di carattere internazionale, 2 per l'affiancamento di figure esterne specializzate alle imprese che intendono affacciarsi o consolidarsi sui mercati esteri, 500.000 euro per l'incoming di buyer esteri. Sono sempre attivi, inoltre, il Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione, che supporta il consolidamento delle imprese nei mercati esteri, recentemente rifinanziato per 5 milioni, e il sistema voucher internazionalizzazione, che fa parte dell'Accordo di programma col Sistema camerale (1 milione di risorse regionali).

 

AGGREGAZIONI E ATTRATTIVIT - A sostegno delle aggregazioni di imprese sono a disposizione 6 milioni di euro per promuovere progetti innovativi di processo, di prodotto, di servizio e organizzazione realizzati da imprese costituite in contratto di rete. In tema di attrattivitଠRegione Lombardia nel 2013 dedicher࠱3,9 milioni complessivi al Fondo per l'attrattivitࠤegli investimenti (Aster), che offre supporto finanziario e operativo a iniziative di valorizzazione delle specificitࠍ del territorio e delle produzioni made in Lombardia attuato mediante investimenti infrastrutturali. Ulteriori 5 milioni sono dedicati alla riqualificazione territoriale dell'Area Navigli (Programma integrato d'Area Navigli), anche in ottica di attrattivitࠍ turistica in vista di Expo 2015.

 

CREDITO - Sul tema credito, per intercettare in modo adeguato le esigenze delle imprese, verranno riprogrammate le risorse sui fondi di ingegneria finanziaria, per 24 milioni, prevedendo anche il finanziamento del capitale circolante. Continua anche l'azione di 'Credito Adesso' a sostegno del capitale circolante, con risorse ancora disponibili pari a 298 milioni e del Fondo di rotazione per l'imprenditorialitࠡ sostegno degli investimenti (ancora 40 milioni di euro disponibili). Sono in fase di realizzazione strumenti innovativi, che prevedono il coinvolgimento del Sistema allargato regionale e degli intermediari finanziari, quali: finanziamento di crediti vantati dalle imprese verso la PA (500 milioni di euro) e sperimentazione di un progetto pilota di nuovi modelli di scambio, che favoriscano la domanda e i consumi interni.

 

COMPETITIVIT - Per sostenere le imprese lombarde in difficoltࠥ rilanciarne la capacitࠍ competitiva verranno dedicati 3 milioni di euro alla definizione di Piani di rilancio aziendale, proseguirࠥ verr࠲afforzata la Rete per l'affiancamento alle imprese in difficoltࠍ (Raid) e verranno rifinanziati interventi a favore di imprese colpite dal sisma (con CCIAA Mantova) per 5 milioni.

 

SEMPLIFICAZIONE - Verrࠩnoltre approvato a breve dalla Giunta regionale un percorso strutturato insieme alle CCIAA, alle Associazioni di categoria e Anci, a favore della semplificazione amministrativa, anche in attuazione dello Statuto delle imprese, che prevedrࠩnterventi quali protocolli di intesa per razionalizzare, semplificare e coordinare i controlli, l'accreditamento delle Agenzie per le imprese, l'eliminazione di duplicazioni nelle procedure di avvio, trasformazione e cessazione di imprese e un percorso di riorganizzazione dei Suap.

 

PATTO PER LE IMPRESE - Per costruire un'alleanza strategica e basata su un rapporto fiduciario tra le istituzioni e gli imprenditori che operano sul territorio regionale, si lavorerࠡ un Patto per le imprese lombarde, essenziale ma di forte impatto, che valorizzerࠩl ruolo e le esperienze delle imprese e degli imprenditori lombardi, favorir࠵n'assunzione di responsabilitࠤi tutti gli attori, pubblici e privati, rispetto ai temi dello sviluppo, dell'attrattivitࠍ e della competitivitࠤella Lombardia, affronterࠩn modo unitario i bisogni espressi dalle imprese anche in relazione al particolare contesto economico attuale.

 

Da aprile a dicembre 2013 risorse su credito pari a 862 milioni

 

Regione, lavoro: su Cig in deroga impegno Maroni e Aprea

16 aprile 2013 

(Ln - Milano) "Con il presidente della Regione Roberto Maroni, incontrerƩnlombarda, per organizzare il sistema di anticipazione sociale di Cassa in deroga per i lavoratori lombardi". Lo ha dichiarato l'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea al termine dell'incontro, avvenuto a Palazzo Lombardia, del presidente Maroni con i vertici regionali di Cgil, Cisl e Uil. Il colloquio si 蠍 svolto al termine del presidio organizzato dai sindacati per denunciare il problema del rifinanziamento della Cassa integrazione in deroga.

 

SU CIG IMPEGNO REGIONE CONFERMATO - "I sindacati ci hanno richiesto l'impegno per anticipare la Cassa integrazione in deroga - ha continuato l'assessore Aprea - e noi lo abbiamo confermato. Ovviamente ci deve essere un primo passo da parte del Governo nazionale per lo stanziamento di somme certe". L'assessore regionale ha aggiunto che 蠡rrivata una buona notizia da Roma: "Sappiamo che il Senato dovrebbe inserire la ricerca di fondi e stanziamenti per la Cig in deroga nel Documento economico finanziario (Def)". Questo passaggio 蠬a premessa per l'incontro del presidente Maroni e dell'assessore Aprea con Finlombarda.

Maroni: 170.000 case per giovani e anziani

Roberto Maroni con Carlo Sangalli
Roberto Maroni con Carlo Sangalli

12 aprile 2013 

(Ln - Milano) Mettere in affitto le tantissime case non vendute dalle imprese edili in crisi. E ancora: 500 milioni per abbattere i debiti dei Comuni nei confronti delle aziende. E, infine, moratoria di tre anni per le procedure burocratiche in capo alle aziende. Sono le tre proposte concrete e innovative che il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, ha presentato a Palazzo Turati in occasione dell'incontro dal titolo "Oltre Milano: idee e proposte per la cittࠤi domani" organizzato dalla Camera di commercio. Assieme al presidente - sul palco dei relatori a conclusione della mattina di lavoro presenziata dallo stesso Maroni - il presidente della Provincia di Milano Guido Podestଠil sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il padrone di casa, il presidente della Camera di commercio di Milano, Carlo Sangalli.

 

RIFORMA DELLE 13 ALER LOMBARDE - Il bisogno pi岧ente da soddisfare 謠per Maroni, quello abitativo. Il presidente 蠡l lavoro per riformare le Aler, le aziende lombarde per l'edilizia residenziale: "Ho preso la decisione di riformare il sistema delle 13 Aler lombarde", ha annunciato. L'occasione 蠲appresentata dalla scadenza dei consigli di amministrazione in calendario per il prossimo 23 aprile.

 

170MILA CASE DA AFFITTARE - La Giunta Maroni sta studiando - assieme all'Associazione nazionale dei costruttori edili (Ance), alle banche e alle associazioni - un provvedimento che metta a disposizione degli anziani e delle giovani coppie il patrimonio immobiliare sfitto e non venduto di tante imprese di costruzione che sono oggi in difficoltຠ"Si tratta - ha precisato Maroni a proposito dell'iniziativa da adottare - di un patrimonio non utilizzato di circa 170 mila vani in Lombardia, su cui le aziende pagano l'Imu. Ƞun'assurditຠsarebbe come dire che i concessionari delle Fiat devono pagare il bollo auto sui veicoli che hanno in negozio". Mettendo a disposizione gli alloggi invenduti nel settore dell'edilizia, per Maroni sar࠰ossibile dare un aiuto concreto alle persone ma anche alle aziende: tutto questo dovrࠥssere fatto "con il contributo delle banche, che oggi sono assenti ma sono state ripetutamente chiamate in causa".

 

Maroni: non smaltiremo i rifiuti dal Lazio

10 aprile 2013 

(Ln - Milano) "Non ci sono le condizioni perch頍 la Lombardia possa smaltire i rifiuti solidi urbani provenienti dal Lazio". E' quanto ha ribadito il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. L'articolo 182 comma 5 del testo unico su questa materia, ha ricordato Maroni, prevede che una Regione dia il proprio parere sulla richiesta di smaltire rifiuti solidi urbani provenienti da un'altra Regione. "In accordo con l'assessore Claudia Terzi - ha aggiunto Maroni - abbiamo verificato che non ci sono le condizioni perch頍 la Regione Lombardia dia l'assenso allo smaltimento di rifiuti solidi urbani provenienti dal altre Regioni"

Rifiuti, Garavaglia a Clini: prima soldi al Nord

9 aprile 2013 

(Ln - Milano, 09 apr) "Al ministro Clini che chiede alla Regione Lombardia di collaborare per farsi carico di un problema nazionale quale quello dello smaltimento dei rifiuti di Roma rispondiamo che potremmo anche essere disponibili a farci carico di questo problema ma soltanto a patto che il suo governo trovi subito i 300 milioni necessari per finanziare la cassa in deroga in Lombardia". Cos젨a risposto Massimo Garavaglia, assessore all'Economia, Crescia e Semplificazione di Regione Lombardia al Ministro Clini che ha chiesto alla regione lombarda di farsi carico del problema dei rifiuti nel Lazio

Case Asl di via Adige a Milano, la firma dell'atto entro il 15 maggio

8 aprile 2013 

(Ln - Milano) Rischio sfratto scongiurato per gli inquilini di via Adige 3 e via Mantova 2 a Milano. Si 蠣oncluso, dunque, con l'esito sperato l'incontro fra l'assessore regionale alla Casa, Housing sociale e Pari Opportunitࠐaola Bulbarelli e i direttori dell'Asl di Milano Walter Locatelli e dell'Aler di Milano Domenico Ippolito. La notizia completa

Jannacci, Cappellini: il belvedere di Palazzo Pirelli alla sua memoria

6 aprile 2013 

(Ln - Milano) "Enzo Jannacci rimarr࠰er sempre nei cuori dei Milanesi e dei Lombardi per il suo grande spessore umano e artistico. Per questo motivo accogliamo con favore la proposta avanzata dal consigliere regionale del Partito Democratico Fabio Pizzul di dedicare al cantautore il 'belvedere' di Palazzo Pirelli". Ad annunciarlo 蠬'assessore alle Culture, Identitࠥ Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini.

Lecco, Maroni ha consegnato 36 nuovi alloggi Aler

5 aprile 2013 

(Ln - Lecco) La casa come diritto 'naturale' della persona e l'impegno del Governo lombardo a renderlo effettivo per tutti, soprattutto per chi ha bisogno. Ma anche la riforma delle Aler e dei criteri di housing sociale, che dovrebbe essere al '100 per cento', ossia a costo zero per chi ne ha veramente diritto. Questi i temi toccati dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, a Lecco, insieme all'assessore alla Casa Paola Bulbarelli, ha consegnato le chiavi di 36 nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica ai nuovi inquilini di una palazzina appena ultimata dall'Aler della cittࠬariana nel rione Belledo.

Maroni: un programma di concretezza e innovazione

4 aprile 2013 

(Ln - Milano) Innovazione e concretezza. Sono queste le parole chiave dell'azione di governo che ilpresidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha illustrato durante la seduta del Consiglio regionale dedicata alla presentazione del programma di legislatura. Tre le prioritࠣhe il governatore ha voluto sottolineare con particolare evidenza nel corso del suo lungo e articolato intervento di fronte all'Assemblea: combattere la crisi economica, introducendo misure per il sostegno delle imprese e dell'occupazione; contrasto della criminalitଠ per garantire trasparenza e correttezza nei procedimenti amministrativi e riduzione dei costi della politica, compito che la Giunta ha giࠦatto proprio attuando fin da subito una drastica serie di tagli, che porter࠮el corso dei prossimi cinque anni a un risparmio nei costi di funzionamento del Governo regionale pari a 10 milioni di euro.

 

MACROREGIONE E 75 PER CENTO TASSE SUL TERRITORIO - I risultati raggiunti fino a oggi dalla Regione Lombardia, ha detto Maroni, "sono ricchezza e traino per l'intero Paese. Dobbiamo proseguire su questa strada, ma dobbiamo anche innovare, per migliorare le performance della Regione e dare soddisfazione a quella forte richiesta di cambiamento che si 蠭anifestata alla recenti elezioni". "La Lombardia - ha ricordato il presidente - 蠬a Regione pi튉 efficiente e meno costosa del Paese. Vogliamo confermare la nostra virtuositଠma questi buoni risultati non ci bastano. Occorre che sia riconosciuta dallo Stato quella necessaria autonomia, che permetta alla Lombardia, e con essa alle grandi Regioni del Nord, di continuare a essere locomotiva del Paese. Per questo la creazione della Macroregione 蠵n'opportunitࠍ irrinunciabile. Chiederemo allo Stato che vengano riconosciute maggiori competenze, alle quali dovranno corrispondere maggiori risorse provenienti da tributi ed entrate regionali e dalla partecipazione diretta della Regione al gettito di tributi erariali riferibili al proprio territorio in misura non inferiore al 75 per cento delle tasse complessive.

 

ENTRO L'ANNO STOP A EQUITALIA - In materia fiscale, nell'ottica di una riduzione della pressione per sostenere economia e occupazione, Maroni ha annunciato che il Governo lombardo "intende sostituire Equitalia con un Ente di riscossione regionale entro la fine dell'anno, per dare un adeguato supporto agli Enti locali e, al tempo stesso, ridurre disagi e costi per i cittadini in difficolt঱uot;. Una misura che si affiancherࠡlla prosecuzione del Patto di stabilit࠴erritoriale (in vigore giࠤal 2009), che ha consentito di allentare i vincoli di finanza pubblica e liberare risorse per gli Enti locali, e che in questa legislatura proseguirࠍ in un'ottica di incentivazione e sviluppo, venendo esteso anche ai Comuni sotto i 5.000 abitanti.

 

1,1 MILIARDI DI EURO PER LE IMPRESE - Per contrastare la crisi economica e per rilanciare l'occupazione il presidente ha annunciato un pacchetto di "misure choc per favorire le imprese" del valore complessivo di oltre 1,1 miliardi di euro: 500 milioni per lo smobilizzo dei crediti che le Pmi vantano nei confronti degli Enti locali lombardi; 300 milioni per la cartolarizzazione dei crediti della Regione; altri 300 da una nuova linea Bei per investimenti delle Pmi; 50 milioni per la ricapitalizzazione delle Pmi che investono in innovazione. "Vogliamo poi realizzare - ha detto Maroni - un'Agenzia regionale dell'Economia, che svolga un'opera di controllo e di coordinamento strategico a pi쩶elli per il credito alle imprese e misure per la promozione del 'made in Lombardia'". "Inoltre - ha aggiunto -, poich頩n periodi congiunturali caratterizzati dal credit crunch, come l'attuale, lo sviluppo di nuovi strumenti di pagamento puࡧevolare lo scambio di beni e servizi, procederemo con lo studio di fattibilitࠤi un sistema di moneta complementare (giࠡvviato nella scorsa legislatura dall'ex vice presidente della Regione e oggi segretario generale Andrea Gibelli, ndr), anche tramite il coinvolgimento dei principali stakeholder come banche, associazioni, istituzioni e camere di commercio".

 

SANIT ANCORA MIGLIORE, NONOSTANTE I TAGLI - "In Lombardia 蠳tato creato un sistema sanitario capace di competere con i pi嬥vati standard internazionali di qualit঱uot; ha ricordato Maroni. Tuttavia, ha proseguito, "serve un salto di qualitଠche permetta alla Lombardia di essere leader europea nel settore, nonostante la prospettiva di riduzione dei finanziamenti governativi". Maroni ha spiegato che "il programma di legislatura prevede, fra l'altro, di riorganizzare numero e funzioni di Asl e Aziende ospedaliere; di differenziare la rete di offerta socio-sanitaria secondo il criterio dell'intensitࠤi cura; di sviluppare un modello di assistenza a rete delle strutture ospedaliere per la cura di patologie rilevanti; di ridurre ulteriormente le liste d'attesa attraverso la maggiore specializzazione degli ospedali; di identificare costi standard uniformi per l'acquisto e l'erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari; di potenziare i presidi territoriali per garantire la continuitࠥ l'integrazione di tutti i servizi di assistenza".

 

SICUREZZA, MODIFICA DEI VINCOLI PER ASSUMERE AGENTI - In materia di sicurezza, Maroni ha confermato la prosecuzione degli interventi regionali a favore della popolazione anziana colpita dai reati di truffa e ha dichiarato di ritenere "indispensabile la modifica delle regole del patto di stabilit࠮azionale, introducendo la possibilit࠰er gli Enti virtuosi di assumere personale qualificato nel settore della Polizia locale, cos젤a mettere gli organici delle Amministrazioni in grado di poter operare con maggiore efficacia il controllo del territorio".

 

EXPO, IMPEGNO SENZA NASCONDERE CRITICIT - Maroni ha ribadito la volontࠤi consolidare l'importante lavoro svolto sul fronte infrastrutturale grazie al 'Tavolo Lombardia', garantendo "massima attenzione sulle norme che garantiscono la tutela della legalitࠥ della sicurezza nel compimento delle grandi opere". Ma, di fronte al Consiglio regionale, ha voluto anche esprimere la sua "forte preoccupazione sul rispetto dei tempi per la realizzazione di tutte le opere previste". Per questa ragione, ha annunciato, "nei prossimi giorni incontrer੠ commissari per l'Expo (Pisapia e Formigoni), per fare con loro il punto della situazione e valutare le iniziative da intraprendere per consentire la realizzazione di tutte le opere previste nel rispetto dei tempi stabiliti".

 

LA RIVOLUZIONE DELLA CONCRETEZZA - "Se potessi mangiare un'idea, avrei fatto la mia rivoluzione". Con questa citazione dell'indimenticato cantautore milanese Giorgio Gaber, Maroni ha concluso il suo discorso, ricordando che, come sosteneva il 'Signor G', "le buone intenzioni da sole non bastano. La rivoluzione che voglio fare io - ha ribadito - 蠍 quella della concretezza: trasformare le idee che ho illustrato in azioni incisive, efficaci e durature, nell'interesse esclusivo dei nostri cittadini".

 

ALLO STUDIO ANTICIPO CIG IN DEROGA - Dopo gli interventi dei consiglieri, riprendendo la parola, il presidente ha annunciato che metterࠍ allo studio nei prossimi giorni "la possibilitࠍ di anticipare i fondi necessari per garantire il finanziamento della cassa integrazione in deroga fino alla fine dell'anno, in attesa di risposte dal Governo di Roma". "Da un rapido calcolo - ha spiegato Maroni - si tratta di 280 milioni, necessari a coprire il periodo che va da aprile-maggio alla fine dell'anno".

Giunta regionale, per i costi della politica un tavolo Esecutivo/Consiglio

3 aprile 2013 

(Ln - Milano) - Costi della politica in Regione Lombardia: il provvedimento sarࠦormulato in maniera definitiva in un apposito tavolo di cui fanno parte Massimo Garavaglia, assessore all'Economia della Giunta, e componenti del Consiglio regionale. E' questo quanto deciso dalla Giunta regionale della Lombardia guidata da Roberto Maroni in merito al Progetto di legge per il taglio ai costi della politica. "L'esigenza di un gruppo congiunto Giunta e Consiglio - ha spiegato l'assessore Garavaglia - dipende dal fatto che l'attuazione delle norme del Decreto legge 174/2012 riguarda entrambi gli organi". "In ogni caso - ha proseguito l'assessore - la Giunta ha gi࠰redisposto una bozza di lavoro in aderenza a quanto deciso dalla Conferenza Stato-Regioni e come tale gi࠲appresentata alla stessa Giunta". "Dobbiamo - ha detto ancora Garavaglia - chiudere in tempi rapidissimi; in ogni caso c'蠍 comunque il termine invalicabile dei 90 giorni previsti dallo stesso decreto. Siamo comunque convinti di trovare un accordo in maniera veloce: con tempi lombardi"

SS36, Maroni: infrastrutture una priorit࠰er la Giunta

3 aprile 2013 

(Ln - Monza) "Le infrastrutture sono una priorit࠰er la Lombardia e la Regione intende svolgere un ruolo di regia fra tutti gli Enti interessati alle opere, affinch頶engano rispettate alcune condizioni essenziali: tempi certi, costi certi e tutela dell'ambiente". Cos쬠il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni 蠍 intervenuto all'inaugurazione del tunnel di Monza sulla SS36 'del Lago di Como e dello Spluga', insieme all'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilitࠍ Maurizio Del Tenno. La galleria, con i suoi 1,8 chilometri, 蠵na delle pi쵮ghe d'Italia in ambito urbano e, con la sua apertura al traffico, velocizza gli spostamenti di chi deve raggiungere il sistema autostradale di Milano, rendendo al contempo pi㩣ura la viabilitࠬocale.

Maroni al Consiglio regionale: prioritࠍ all'occupazione

27 marzo 2013 

(Ln - Milano) "Condivido la rivendicazione dell'orgoglio di noi tutti, Giunta e Consiglio, di fare della Lombardia la Regione protagonista in Italia e in Europa: partiamo dai temi concreti, da quello pi㯮creto rappresentato dalla crisi economica, dal lavoro e dall'occupazione". Sono le parole che il presidente della Giunta regionale lombarda Roberto Maroni ha voluto rivolgere all'Aula consiliare riunita in occasione della prima seduta della decima legislatura

Dalla Regione 1 milione di euro per i giovani disoccupati

L'assessore Antonio Rossi
L'assessore Antonio Rossi

27 marzo 2013 

(Ln - Milano) Oltre 2 milioni di euro (di cui uno messo in campo da Regione Lombardia) a disposizione degli under 35 lombardi, per favorire la nascita di nuove imprese e promuovere opportunitࠤi impiego per disoccupati, cassaintegrati e iscritti alle liste di mobilit஠Ƞquesto, in sintesi, l'obiettivo del progetto 'Start 2013', finanziato anche da Regione Lombardia (Assessorato allo Sport e Politiche per i giovani). Il progetto 蠦rutto di un accordo fra Regione Lombardia, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventïmune e Camera di Commercio di Milano e Unioncamere.

Maroni: Brebemi autofinanziata, primi in Italia

Il presidente Maroni con Bettoni (presidente Brebemi)
 

25 marzo 2013 

(Ln - Milano) Primo in Italia e modello in Europa per il ruolo assunto dagli investitori privati: 蠩l nuovo contratto di finanziamento (della durata di 21 anni, in regime di project financing, dell'importo di 1,818 miliardi di euro) per il completamento della Brebemi, l'autostrada diretta, che, nel 2014, collegherࠍ Brescia, Bergamo e Milano. A presentare la firma di questo finanziamento straordinario 蠳tato ilpresidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, a Palazzo Lombardia. "Ƞun'altra eccellenza lombarda", ha commentato lo stesso presidente su Twitter.

Maroni: una Commissione antimafia in vista di Expo

Il presidente Roberto Maroni
Il presidente Roberto Maroni

21 marzo 2013 

(Ln - Milano) "Proporr࡬ Consiglio regionale lombardo di istituire una Commissione antimafia speculare a quella che c'蠮el Parlamento italiano. In vista dell'Expo del 2015 e dell'investimento di tantissime risorse tutte le istituzioni devono essere coinvolte. Per questa ragione ritengo utile che il Consiglio lombardo costituisca una Commissione, che aiuti l'azione della Giunta nel controllo sull'Expo del 2015 e non solo". Primo intervento delpresidente della Regione Lombardia Roberto Maroni nell'Aula consiliare ispirato alla concretezza delle tre proposte avanzate: la nascita di una Commissione antimafia, la costituzione del Comitato previsto dalla Legge di controllo degli appalti pubblici e, a breve termine, l'adesione ad 'Avviso pubblico', l'associazione nata nel 1996 con l'intento di creare una rete tra gli amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalit஠Occasione speciale, la celebrazione della 'Giornata regionale dell'impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime', istituita con una legge approvata dal Consiglio nel 2011.

Prima Giunta, sisma: subito un rapporto sulle emergenze

20 marzo 2013 

(Ln - Milano) Sulla vicenda del terremoto che ha colpito, nello scorso mese di maggio, la provincia di Mantova il presidente Maroni sarࠍ direttamente responsabile degli aspetti legati alla ricostruzione. Ha invece affidato all'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunitࠍ Paola Bulbarelli il compito di stilare un rapporto sulle attuali necessit࠰er risolvere le emergenze, sia quelle in capo alla Regione sia quelle in capo al Governo nazionale.

Prima Giunta, tagli ai costi e ai rimborsi

20 marzo 2013 

(Ln - Milano) La Giunta regionale ha assunto la delibera, in cui si prevede il taglio del 10 per cento delle spese delle segreterie per ciascun componente dell'Esecutivo. Per il 2013 tali spese sono riproporzionate alla durata dell'anno. Inoltre la dotazione finanziaria per le spese di rappresentanza e di funzionamento 蠍 ridotta del 30 per cento rispetto a quanto stabilito per il 2012. Per le missioni all'estero sar࠮ecessario avere una preventiva autorizzazione del presidente. Roberto Maroni ha annunciato che, in qualitࠤi consigliere regionale della Lista Maroni, presenterࠩn Consiglio regionale una proposta di legge per cambiare l'attuale norma sui rimborsi dei consiglieri. Questa proposta 蠳tata accolta con favore dall'intero Esecutivo.

Maroni proclamato ufficialmente presidente

Il passaggio di consegne tra Fromigoni e Maroni

18 marzo 2013 

(Ln - Milano) Roberto Maroni 蠍 stato proclamato ufficialmente presidente di Regione Lombardia dalla Corte d'Appello. Il passaggio di consegne tra il presidente uscente Roberto Formigoni e il nuovo presidente Roberto Maroni 蠡vvenuto a Palazzo Lombardia, nell'atrio del nucleo NP. Formigoni ha consegnato a Maroni il campanellino, simbolo dell'autoritࠥ del ruolo di presidente.

 

 

 

 

 

 

 

 

Servizi ai Cittadini

Emergenze

Ospedali

ASL

Scuole

Regione

Provincia

Comune

Quotidiani

Meteo

Trasporti

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter

 

All right reserved - Lega Nord - Milano Ovest

Webmaster : Gian Antonio Bevilacqua

Disclaimer